Lunghezza 13 km
Livello difficoltà E - alta
Dislivello +878 / -878 m
Tempo percorrenza 8 h (soste incluse)
Fondo stradale sentieri boschivi


Alle origini del Volturno: Le Mainarde

Ci troviamo nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio, Molise, e questa escursione ci da modo di assaggiare una parte del panorama delle Mainarde, che rappresentano i rilievi più bassi e settentrionali dei Monti della Meta, al confine tra Lazio e Molise.

Sono le montagne in cui la presenza dell'uomo per il clima meno rigido era stanziale e non stagionale e pastorale.

Qui sono presenti alcuni grandi protagonisti di uno dei parchi più antichi d'Italia: l’orso bruno marsicano, il camoscio d’Abruzzo, il lupo appenninico e l’aquila reale. 💚

Si parte dal piccolissimo borgo medievale di Castel San Vincenzo (IS) che a quota 749 m. sorveglia il suo lago, di color turchese su cui si specchiano le imponenti vette delle Mainarde. Si tratta di un lago artificiale, balneabile, realizzato verso la fine degli anni '50 per scopi idroelettrici. 💧

Dopo aver costeggiato il Lago Castel San Vincenzo, si raggiunge  l'Eremo di San Michele a foce, 🏚 situato a 930 m s.l.m., percorrendo un sentiero che prima si addentra nella forra scavata dal Rio Colle Alto, lo guada, e poi si arrampica sulla parete della montagna con un sentiero serpeggiante fino ad arrivare ad una campana ed alla terrazza antistante, da dove circondanti dalle montagne, si apre il panorama sulla valle e si scorge il bacino artificiale del lago di San Vincenzo.

Scesi dall'eremo si intraprende il sentiero che fiancheggiati dal Monte Castelnuovo ed il Monte Marrone, ci permette di giungere a Castelnuovo al Volturno, frazione di Rocchetta al Volturno, luogo in cui  nasce il fiume più lungo dell'Italia meridionale con i suoi 175 km.

A Castelnuovo al Volturno è presente il Museo di Charles Moulin, pittore francese 🖌 che visse per lunghi periodi dell'anno sulla cima del Monte Marrone in un eremo costruito da lui stesso, volontariamente isolato, a completo contatto con la natura, fonte per la propria ispirazione. Dal paese si scende per ritorno al lago, per raggiungere una località caratterizzata dalla presenza di una vecchia cartiera, per ammirare a bocca aperta la spettacolarità 😍 della Cascata del Volturno, formata dall'omonimo fiume che ha regalato a questo piccolo luogo incontaminato delle forme fantastiche 💚

Inoltre qui tra Castel San Vincenzo e Rocchetta al Volturno è presente il sito archeologico di uno dei più importanti antichi monasteri medievali benedettini, nel quale si possono ammirare in particolare gli affreschi della Cripta di Epifanio, tra i più importanti esempi di pittura altomedievale europea.


EQUIPAGGIAMENTO:

🥾 Scarpe da trekking

🎒 Zaino da trekking, abbigliamento comodo per camminare, indumenti di ricambio, felpa, giacca a vento/antipioggia, cappellino

💧 Colazione e borraccia con acqua a sufficienza

🍱 Pranzo a sacco

ESCURSIONE GUIDATA:  100 € a gruppo